400gr DI LEGNO E ARMONIA

Vai al sito
screen

Ultimo numero

OLTRE NUMERO 15 | GIUGNO

pg. 6 400gr di legno e armonia | pg. 16 California, il tempo e le macerie | pg.24 Cosplay, la tribù della domenica pomeriggio | pg.34 Butterfly arc | pg. 42 Romans langobardorum | pg. 54 Il raccontro di una nuova new-co | pg. 60 U.p.c. | pg.62 Lettere dal carcere

Michele Gregolin
Direttore Responsabile

Leggi il numero online

Download ultimo numero

Archivio storie online

Il progetto

Oltre nasce come un percorso laboratoriale innovativo con lo scopo di realizzare una rivista trimestrale pubblicata online. Il modello formativo pensato dal docente Gregolin, fornisce agli allievi una possibilità tangibile di espressione, superando il percorso classico dei corsi di fotografia che spesso vede come finalità quella della mostra fotografica personale. I redattori sono tutti soci dell'Università Popolare di Camponogara. Si puo accedere alla redazione sottoscrivendo la quota associativa. Unico requisito aver partecipato almeno a due corsi (annui) programmati dall'Associazione.

La linea editoriale della rivista, ruota attorno all'idea di "Raccontare Storie". Le storie vengono scelte e condivise durante gli incontri di redazione e di volta in volta affidate agli autori che, lavorando in piccoli gruppi, le sviluppano e le realizzano. Gli autori, fedeli al principio di raccontare, si impegnano a realizzare un prodotto in grado di parlare al pubblico, curandone l'aspetto fotografico e narrativo. L'editing finale viene completato con la supervisione del Direttore responsabile del laboratorio.

Chi siamo

Michele Gregolin: Direttore Responsabile

Hanno collaborato alla realizzazione di questo numero:
Massimo Bonutto, Roberta Contin, Detenuti carcere Treviso, Sabrina Donò, Francesco Dori, Massimiliano Girotto, Michele Gregolin,Riccardo Gregolin, Silvia Maniero, Michela Nardo, Mirka Rallo, Diana Thiene.

Correttore di bozze: Silvia Maniero

Download Brochure

Archivio

"Le fotografie che contano di più sono forse quelle che ho vissuto senza scattarle."
Mario Giacomelli